Come scegliere un Servizio Catering

Ormai è consuetudine, nel momento in cui si organizza una festa o un ricevimento, rivolgersi ad un’impresa di catering. Oggi diventa sempre più difficile trovare chi, anche nel caso specifico di una piccola festicciola a casa, riesce a preparare un rinfresco in piena regola con le proprie mani.

La causa principale che ci consente di comprendere questo fatto è sicuramente la nostra costante mancanza di tempo; i ritmi frenetici ai quali siamo sottoposti non ci permettono di focalizzare la nostra attenzione esclusivamente su una cosa. A questo punto troveremo molto più comodo incaricare altre persone che possano facilmente sbrigare la faccenda per noi con ottimi risultati.

Infatti affidarsi ad un’impresa di catering significa affidare l’organizzazione del proprio rinfresco a dei professionisti, che sono in grado di fornire una qualità che solo in pochi casi è possibile garantire da soli.

Spero vi sia di aiuto un articolo sul Catering a Roma su Events365.it un sito web specializzato sul catering e la realizzazione di eventi a Roma.

Questo è il motivo che sta alla base del successo del catering, tanto da diventare ormai quasi una presenza fissa quando si decide di organizzare una festa e soprattutto di fare bella figura, senza avere troppi pensieri che non ci permettono di goderci il nostro evento!

Una primordiale idea di catering inizia a prendere forma nel 1902, anno in cui una delle compagnie telefoniche più popolari degli Stati Uniti, la “Illinois Bell”, inizia a rendersi conto di un’abitudine piuttosto condivisa tra i propri dipendenti: ogni giorno all’ora di pranzo gli operai della compagnia si rivolgevano ai ristoranti intorno all’edificio.

La modernità dell’intuizione della “Illinois Bell” sta proprio nell’aver fiutato l’affare che avrebbe significato dotare la propria azienda di una mensa per tutti i dipendenti. È così che l’azienda ha contattato un servizio di ristorazione esterno che fosse in grado di somministrare ai suoi dipendenti pasti caldi sul posto di lavoro. In questa situazione sia il datore di lavoro, sia il dipendente, che il ristoratore risultano vincenti, sfruttando ognuno una specifica situazione di vantaggio, che può essere il prezzo ridotto per il lavoratore, il guadagno extra per l’azienda e la possibilità di avvalersi di una clientela molto vasta per il ristoratore. Nei primi anni del Novecento questa compagnia telefonica risulta la prima impresa a dotare la propria impresa di un servizio di ristorazione, anticipando i tempi e rendendo più felici i propri lavoratori di recarsi sul posto di lavoro.

Il fenomeno del catering si è diffuso rapidamente più o meno in tutto il mondo nello stesso periodo. In Italia, ad esempio, nel corso del ‘900 sono iniziate a nascere le prime imprese di catering sull’impronta delle prime aziende che, come spesso accade, nacquero in America. Il vero successo in Italia si ebbe solamente alla fine degli anni ’70, periodo in cui ci fu un vero e proprio boom di richieste in quanto l’offerta andava diversificandosi, fornendo servizi diversi a prezzi più bassi. In questo modo il catering non era più un servizio utilizzato esclusivamente da membri della società aristocratica e alto borghese, ma diventò un servizio che poteva essere dedicato anche alla maggior parte della popolazione, evolvendosi fino ai giorni nostri e diventando un fenomeno di massa a tutti gli effetti.

Ovviamente il fenomeno di questo servizio ha assunto nel tempo delle connotazioni del tutto diverse, basti pensare alla differenza tra il primo esempio di catering della “Illinois Bell” e il servizio al quale siamo abituati invece oggi. Sembra imprescindibile quindi seguitare con un’analisi più approfondita della parola e di tutte le varie prestazioni che sono incluse nella pratica stessa.

La parola con la quale si suole definire l’intero servizio, “Catering”, è stata assorbita anche dalla lingua italiana e viene utilizzata comunemente. Letteralmente significa “approvvigionare di cibo”. Alla base di questa pratica sta infatti la somministrazione di cibi e bevande, è questa la prestazione che caratterizza l’intero servizio. Non può essere definito catering un servizio che non prevede tra le prestazioni quelle di fornitura di un rifresco completo. Il “caterer” invece è colui che provvede alla fornitura di cibi e bevande; esso può essere una persona fisica o un’impresa.

Solitamente il servizio catering può essere corrisposto a due sfere diverse di destinatari. Più precisamente esistono due tipologie di catering:

  1. Catering Pubblico
    In questo caso si avvalgono del servizio strutture pubbliche come una scuola o un ospedale;
  2. Catering Privato
    Il catering privato è la tipologia più diffusa e soprattutto quella che può essere declinata in molteplici modalità in quanto è possibile svolgerla in più occasioni come ad esempio durante un servizio di trasporto, una festa privata, o sul posto di lavoro. All’interno del settore privato c’è una maggiore frammentazione di domanda essendo diverse le fattispecie che si rivolgono ai servizi di catering con bisogni molto differenti tra loro.

    Le necessità di una compagnia aerea per quanto riguarda il menu saranno quasi antitetiche rispetto a quelle espresse in occasione dell’organizzazione di un matrimonio, mentre per il primo menu sono auspicabili leggerezza e praticità, per il secondo saranno ricercate le caratteristiche di raffinatezza e opulenza.