Oggi, per fare un po più di chiarezza sull’argomento escort abbiamo pensato di intervistare Antonella che da anni pratica come secondo lavoro la escort.

Antonella racconta che ha iniziato la sua carriera professionale da escort poco prima di finire il liceo classico, fino a quel momento aveva fatto la cameriera, poi la barista.

La sua carriera è iniziata per gioco, principalmente per potersi pagare gli studi all’università e da qui è arrivata a guadagnare più di 250.000 mila euro in un solo anno.

Antonella dice che adesso il lusso ed il vero e proprio gusto del proibito la appagano al 100% ed è molto soddisfatta della sua seconda professione anche se ancora i suoi genitori sono allo scuro di tutto.

Ricorda che nel periodo che faceva la cameriera il proprietario del ristorante le toccava spesso il culo ed era continuamente sotto le sue mire, era un continuo di avances e complimenti, ricorda che il proprietario gli diceva sempre “se ti metti con me ti faccio diventare ricca” ma ad Antonella non piaceva.

Il personaggio era molto pesante, brutto ed antipatico, insomma a lei non piaceva ed un giorno si licenziò andandosene via da quel luogo.

Dopo essersi licenziata entrò in una fase di ristrettezza economica e racconta che un giorno, mentre beveva un caffè assieme ad una amica, decisero di comune accordo di inserire un annuncio all’interno di un sito di incontri, portale molto esclusivo e che era specializzato nella zona di Modena.

Il sito era molto professionale e serio e trattava soltanto annunci reali di escort nella zona di modena, passano circa un paio di ore e arriva la prima telefonata, ricorda che l’uomo dall’altra parte del telefono gli chiese specificatamente un incontro a tre.

Un po titubanti, impaurite ma molto curiose ed eccitate accettarono l’incontro, logicamente si recarono all’appuntamento in coppia, racconta Antonella che non sapevano neanche quanto avrebbero dovuto chiedere ma alla fine dopo due ore assieme a quel cliente guadagnarono una cifra che superava quella che avrebbero potuto prendere per una intera settimana di lavoro.

L’amica di Antonella non riuscì a continuare il suo cammino, disse che l’esperienza per lei era stata troppo traumatica, invece per Antonella non era stata poi così male e decise di continuare per cercare di mettere un po di soldini da parte e diventare finalmente totalmente indipendente.

Il suo obiettivo era quello di non dipendere più dalla famiglia, pagarsi tutto da sola compresi i capricci che ogni donna ha.

Nel mentre Antonella ha continuato gli studi e la sua media di studio è pure abbastanza alta, dice che studiare le piace, ci dice che comunque una volta che avrà finito l’università non lascerà il lavoro da escort ma continuerà la sua professione perché comunque le piace quello che fa.

Il fascino del proibito la eccita, ci dice, mi piace essere l’oggetto del desiderio di uomini facoltosi che non si fanno problemi a pagare il mio cache per poter stare qualche ora con me, mi considerano un lusso, una cosa bella e molto costosa, insomma, una donna per pochi.

E’ proprio Antonella che ci confida che nell’ultimo anno ha guadagnato più di 250.000 euro e ci dice anche, con una certa soddisfazione…”se voglio qualcosa mela compro”.

Sto aspettando la macchina nuova, una bella cabrio da 50.000 euro, con quale lavoro avrei potuto permettermela?

Non ha una base fissa, lavora in tutta Italia, da nord a sud, ci sono dei clienti che per riuscire a stare con me mi telefonano con una settimana e delle volte anche con dieci giorni di anticipo.

Arrivo anche a chiedere 700 euro per una sola ora di compagnia, il fatto di essere italiana, giovane e bella mi permette di chiedere molto di più in confronto a molte altre che fanno la mia stessa professione.

Questa è Antonella, una delle migliaia di escort che si possono trovare nei siti di escort di Lusso.